Τρίτη, 10 Νοεμβρίου 2015

Grecia: presentato disegno di legge per le unioni civili




 

Dopo l'annuncio di febbraio, il ministro della Giustizia del governo Tsipras ci riprova
Un disegno di legge che darà la possibilità anche alle coppie del medesimo sesso di unirsi civilmente in Grecia è stato presentato ieri per la consultazione pubblica dal ministro della Giustizia del paese ellenico, Nikos Paraskevopoulos. Il progetto di legge elimina un'eccezione introdotta da una legge precedente, che escludeva le coppie dello stesso sesso dall'attuale istituto giuridico delleunioni civili e che ha portato alla condanna della Grecia presso la Corte europea dei diritti dell'uomo. In realtà qualcosa di simile era già stato annunciato durante il primo governo Tsipras, nel febbraio scorso.
Il dibattito pubblico sul testo di legge si concluderà alle ore 14 di venerdì 20 novembre. Secondo il disegno di legge, leunioni civili possono essere siglate da due persone adulte a prescindere dal sesso. Non saranno permesse se una delle due parti è legalmente sposata o ha siglato una partnership civile con una terza persona. Alcune limitazioni sono anche introdotte per evitare unioni civili tra parenti o affini, così come tra genitori adottivi e figli. Le unioni civili nella loro forma attuale concedono alle coppie eterosessuali non sposate diritti simili a quelle che invece lo sono, garantendo anche il medesimo status fiscale favorevole di cui godono i coniugi e pieni diritti di successione. Nel caso dei dipendenti pubblici, si applicano gli stessi benefici concessi alle coppie sposate. Il ministro della Giustizia ha dichiarato che il ministero sta anche esaminando la possibilità di consentire le adozioni da parte delle coppie del medesimo sesso e che nessuna decisione è stata ancora presa al riguardo.

Il disegno di legge presentato ieri dal ministro della Giustizia Nikos Paraskevopoulos comprende anche disposizioni intese a rafforzare la legislazione contro razzismo ed omofobia. Secondo la proposta di legge, non solo vi sarebbe un'aggravante per i reati commessi con motivazioni razziste, ma anche per quelli connessi a discriminazioni basate sul sesso, sull'orientamento sessuale o sulla religione.

La proposta di legge ha alimentato polemiche ed in particolare una reazione severa dalla Chiesa greco-ortodossa. Durante l'estate arcivescovo Ieronymos ha definito le unioni civili come un qualcosa che impoverisce il matrimonio e "una gratificante neoliberista dell'irresponsabilità nei rapporti interpersonali."

Δεν υπάρχουν σχόλια :

Δημοσίευση σχολίου

Εδώ σχολιάζεις εσύ - Comment Here

Σημείωση: Μόνο ένα μέλος αυτού του ιστολογίου μπορεί να αναρτήσει σχόλιο.

Contact Us

Name *
Email *
Subject *
Message *
Powered byEMF Web Forms Builder
Report Abuse